Istofisiologia del tessuto connettivo

Sala Auditorium, ore 14.30 – 15.30

La matrice extracellulare (ECM) come è noto gioca un ruolo essenziale nella forma delle strutture pluricellulari. La forma di tessuti, organi, apparati e infine dell’intero organismo dipende dalla ECM che ne condiziona non soltanto la forma e di conseguenza la funzione, ma ne garantisce l’omeostasi. La ECM infatti rappresenta l’ambiente che circonda le cellule e ne regola i flussi energetici. La struttura della ECM e le eventuali modificazioni assumono, attraverso variazioni del microambiente, un ruolo rilevante nella fisiologia tissutale. La ECM inoltre gioca un ruolo non meno importante anche come trasduttore di messaggi sia in quanto terreno all’interno del quale si muovono in soluzione messaggi chimici, che come vettore di forze che, incidendo sulla ECM e modificandone la struttura tensegrile, condizionano la morfologia e l’attività cellulare. Alla luce di recenti acquisizioni sull’importanza delle energie vibrazionali nella regolazione della fisiologia cellulare, la ECM grazie alla capacità di modificare il suo stato fisico (gel/solificazione) può essere considerata come un sistema di attenuazione o amplificazione di messaggi di natura vibrazionale. Lo stato di salute cellulare e di conseguenza di tessuti e organi da esse costituite non può prescindere da una corretta struttura della ECM.

Prof. Stefano Guizzardi

Stefano Guizzardi  è professore associato di Istologia e titolare di insegnamento di Istologia ed Embriologia presso l’Università degli Studi di Parma. Dal 2002 dirige la sezione di Istologia del Dipartimento di Medicina Sperimentale e il Laboratorio di Microscopia Elettronica e di Colture cellulari. E’ autore di più di 100 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali e ha partecipato come relatore a oltre 120 convegni nazionali e internazionali.